Coast to Coast

Groen­landia Stefan Glowacz, alpinista profes­sionista, arram­picatore estremo e atleta del team LOWA PRO, aveva un traguardo molto speciale da tagliare tra l’estate e l’autunno 2018: una spedizione andata e ritorno in Groen­landia, spos­tandosi in barca, sugli sci e con il kite.

Traversata della Groenlandia e ritorno

Traversata della Groen­landia e ritorno

Un anno e mezzo: tanto è durata la fase di pianificazione, preparazione, prova e allenamento. La spedizione, della durata di tre mesi, sarebbe stata per lui la più lunga mai affrontata.

11 luglio 2018, nove e mezza del mattino: la spedizione ha inizio dalla costa occidentale della Scozia. La barca a vela « Santa Maria » prende il largo e l’av­ventura comincia. Ad accom­pagnare Glowacz c’erano Philipp Hans, Thomas Ulrich e l’equipaggio della nave guidata dallo skipper Wolf Kloss, insieme al figlio Dani Kloss e a Maat Jan Kiehne. Glowacz e i suoi compagni inten­devano attraversare la calotta di ghiaccio della Groen­landia, mentre la nave voleva fare rotta verso la punta meridionale dell’isola, per un totale di 1.800 miglia nautiche. Entrambi i team avevano un mese di tempo per incon­trarsi a Scoresbysund, sulla costa orientale. Ma già all’inizio della spedizione sono emerse le prime difficoltà. La barca a vela ha dovuto affrontare forti tempeste, e gli iceberg, la nebbia e il vento da nord che soffiava sulla costa occidentale hanno complicato notevolmente le cose. Prima di raggiungere la terra ferma, la spedizione era già in ritardo di dieci giorni sulla tabella di marcia. Glowacz, Hans e Ulrich hanno toccato terra per la prima volta ad Atta Sund, nella baia di Disko. Qui le strade dei due equipaggi si sono divise.

Inizia la corsa contro il tempo

Glowacz, Hans e Ulrich si erano dati circa 30 giorni per attraversare la calotta di ghiaccio: un piano avven­turoso, immaginabile solo usando il kite. Ma le condizioni erano estreme, con la colonnina di mercurio che toccava i –40 gradi. « Al mattino, quando ho tolto il braccio dal sacco a pelo, mi è sembrato di essere in un congelatore. Il problema era riuscire a muovere tutto il resto del corpo », racconta Stefan Glowacz parlando delle temperature glaciali. Il vento che spingeva il kite degli atleti non ha fatto che raffreddarli ancora di più, eppure ogni chilometro conquistato significava meno strada da percorrere faticosamente a piedi. Procedevano spediti e all’im­provviso i dubbi e le incertezze sulla riuscita dell’impresa sono scomparsi come la neve al sole: il team è riuscito a completare i 1.000 chilometri in programma meglio e più velocemente del previsto.

  • Bianco a perdita d'occhio.

    Bianco a perdita d’occhio.

L’equipaggio della nave perde un membro

Nel frattempo le cose non andavano molto bene per l’equipaggio della nave. All’inizio di settembre la « Santa Maria » si trovava ancora nel fiordo di Tasiilaq, a oltre 700 miglia nautiche dal punto d’in­contro concordato. Maat Jan aveva contratto un’in­fezione al dito e ha dovuto farsi curare nell’os­pedale cittadino. E con l’arrivo delle prime tempeste autunnali la barca a vela non poteva proseguire. Una spada di Damocle pendeva sulla spedizione. Ma pochi giorni dopo la situazione è migliorata: la « Santa Maria » ha potuto riprendere il suo viaggio. Purtroppo Maat ha dovuto abban­donare a causa del suo infortunio, ma lo skipper Wolf ha continuato a navigare insieme al figlio Dani.

Missione compiuta!

il 17 settembre Glowacz, Hans e Ulrich erano nel loro accam­pamento a 100 metri sopra il mare quando hanno visto dietro a un iceberg la « Santa Maria » che entrava nella baia. I due equipaggi ce l’avevano fatta! Sono partiti insieme per fare ritorno a casa. A tre mesi di distanza, dopo alcune notti in bianco, ondate altissime e forti tempeste autunnali, il 6 ottobre l’equipaggio – quasi al completo – ha raggiunto il porto di Mallaig sulla costa occidentale della Scozia.

  • Senza il kite sarebbe stato pressoché impossibile completare la spedizione.

    Senza il kite sarebbe stato pressoché impos­sibile completare la spedizione.

DSC_3812.NEF Expedition Grönland Mann Philipp Hans Stefan Glowacz Thomas Ulrich

« Ho visto distese di acqua e ghiaccio prima inim­maginabili. Alzarsi al mattino, uscire dalla tenda e vedere un’in­finita distesa bianca fino all’orizzonte. Tenersi forte al kite e osservare la neve scorrere veloce sotto i miei sci. Dopo dieci ore nella tempesta rientrare in tenda e sentirsi al sicuro. Non dimen­ticherò mai questi momenti, hanno davvero arricchito la mia vita. »

Stefan Glowacz | LOWA PRO Team

Uno sforzo sovrumano

La spedizione coast to coast è stata un successo. Eppure Stefan Glowacz non è riuscito a celebrarlo come avrebbe voluto. Il suo percorso comprendeva originariamente una tappa in più – la prima arram­picata Big Wall in Groen­landia – ma l’atleta ha dovuto rinun­ciarvi a causa delle nevicate persistenti.

  • L’arrampicata Big Wall in Groenlandia manca all’appello

    L’ar­ram­picata Big Wall in Groen­landia manca all’appello

Quel pezzo mancante

Nel 2019 l’obiettivo era quello di recuperare il pezzo mancante della spedizione originale, ovvero la prima ascensione della parete nord alta 1.300 metri del Grundt­vig­skirken (1.977 metri) sulla costa orientale della Groen­landia. La spedizione è partita di nuovo in luglio da Starnberg. Questa volta gli atleti hanno raggiunto la Scozia in treno, proseguendo quindi verso l’Islanda e la Groen­landia a bordo della « Santa Maria », la barca usata per la spedizione dell’anno precedente. Anche in questo viaggio si voleva ridurre al minimo l’im­pronta ecologica. Con un paio di giorni di ritardo il team formato da Stefan Glowacz, Philipp Hans, Markus Dorfleitner, Christian Schlesener e il fotografo Moritz Atten­berger e l’equipaggio della nave hanno attraccato in Groen­landia a fine luglio e il primo agosto ha allestito il campo base ai piedi del Grundt­vig­skirken.

Fortuna nella sfortuna

L’in­domani tutto era finalmente pronto per la partenza. Gli arram­picatori hanno lasciato il campo base il mattino presto per raggiungere l’inizio della parete nord. Stefan Glowacz e Philipp Hans, che aveva già partecipato alla spedizione precedente, sono saliti per primi sulla parete, mentre il resto del team ha aspettato in basso vicino a una morena. Il piano era semplice: gli arram­picatori, divisi in due squadre, avrebbero affrontato la parete a distanza di uno-due giorni gli uni dagli altri. Ma era destino che le cose dovessero andare diver­samente. Dopo 50 metri circa, mentre Stefan stava posizionando i rinvii e fissando la corda, si è avvertito un rumore fortissimo. « Lo hanno sentito anche i nostri compagni più in basso e tutti pensavano che provenisse dal ghiacciaio », racconta l’atleta del team LOWA PRO. Poco dopo un altro rumore: per Stefan era chiaro che non si trattava del ghiacciaio. « Sono lì, fissato al rinvio e privo di qualsiasi protezione. Nelle vicinanze non c’è alcuna sporgenza in cui trovare riparo se dovessero cadere dei massi. Ed ecco il terzo rumore, decisamente più forte di prima. Vengo assalito dal panico. So che da un momento all’altro succederà qualcosa di terribile, mi chiedo soltanto che portata avrà: un paio di sassi o un’intera valanga rocciosa? », scrive l’ar­ram­picatore estremo nel suo diario. Purtroppo sarà la seconda. A circa 100 metri sopra i due atleti una lastra di granito grande come un tavolo si è staccata silen­ziosamente dalla roccia dirigendosi a tutta velocità verso Stefan e Philipp, che si trovava 15 metri sotto a Stefan. I due non potevano far altro che spingersi il più forte possibile contro la parete e pregare. Ma la dea della fortuna era dalla loro parte: 50 metri sopra di loro la piastra si è rotta su una sporgenza. « I frammenti schiz­zavano da tutte le parti come proiettili andando a infrangersi più in basso. Un frammento si è abbattuto sulla mia coscia destra, seguito da un dolore lancinante, poi è stata la volta dell’avam­braccio destro », così Glowacz documenta i fatti. « In quel momento non provano panico o paura, sono rimasto calmo. La caduta di frammenti è andata scemando e all’im­provviso si sentiva solo il silenzio. Stavo immobile dov’ero aspettando altri pezzi di granito piovere dal cielo. Ho iniziato a rialzarmi quando ho avvertito una forte nausea a causa dello shock. Avevo paura di guardare come stava Philipp ma miracolosamente aveva sono un graffio sulla coscia », spiega Stefan sollevato. Feriti e sanguinanti, i due atleti a quel punto volevano soltanto allon­tanarsi dalla parete il più rapidamente possibile. Sulla morena gli altri membri del team hanno accolto Philipp e Stefan e hanno medicato le ferite di ques­t’ultimo. Parte degli atleti sono tornati al campo base, mentre Philipp e Christian hanno provato a salire sulla parete in altri due punti. Ma non c’è stato verso. Anche i tentativi del giorno successivo non sono andati a buon fine: la parete nord è troppo fragile e quindi imprevedibile.

  • Nonostante il dolore Stefan non si arrende

    Nonostante il dolore Stefan non si arrende

Suffer and smile – boys don’t cry

Il team ha deciso di spostarsi sulla cresta meridionale e di provare a salire dalla parete sud. Detto, fatto! Il 6 luglio il team si è messo in marcia, e anche Stefan ha voluto esserci a tutti i costi. Senza gli anti­dolorifici e l’aiuto dei suoi compagni, che hanno portato il suo zaino e non hanno smesso di motivarlo lungo il cammino, non ce l’avrebbe mai fatta. Infatti, nonostante abbia completato tantissimi tour e spedizioni, gli eventi sulla parete hanno lasciato il segno. « Sono assalito dai dubbi. Ogni passo, appoggio e presa mi mettono in crisi. E nei punti più esposti sento di nuovo quella sensazione di panico. È un tormento assurdo, a livello fisico e mentale », l’atleta del team LOWA PRO descrive così le sue sensazioni. In tarda serata hanno raggiunto il punto scelto per il bivacco. Il giorno seguente proseguono ma nonostante i progressi Stefan Glowacz, i suoi compagni Philipp Hans, Markus Dorfleitner, Christian Schlesener e il fotografo Moritz Atten­berger raggiungono la vetta poco dopo la mezzanotte e 16 ore di cammino.

  • Per Stefan Glowacz ora l'avventura in Groenlandia è finalmente completa

    Per Stefan Glowacz ora l’av­ventura in Groen­landia è finalmente completa

DSC_3812.NEF Expedition Grönland Mann Philipp Hans Stefan Glowacz Thomas Ulrich

« A est una striscia rosso vermiglio annuncia il sorgere del sole, che in realtà non è mai tramontato. A nord una distesa scon­finata di iceberg enormi brilla nel blu di una notte illusoria. Non tira una bava di vento, e in questo istante sono semplicemente felice e grato. Soprattutto ai miei compagni; senza il loro impegno, l’in­corag­giamento e l’aiuto non sarei mai arrivato in cima! »

Stefan Glowacz | LOWA PRO Team

La discesa è avvenuta lungo lo stesso percorso. Nel punto del bivacco hanno fatto una breve pausa, per arrivare infine al campo base poco prima di mezzanotte. Missione compiuta! Il puzzle della Groen­landia è completo. Dopo un bicchiere di whisky scozzese il nome del tour era cosa fatta: suffer and smile – boys don’t cry!

La scarpa

« Per la prima volta posso dire di indossare una scarpa da montagna che fa davvero per me ed è così leggera da sembrare un modello da ginnastica. Per me l’Alpine SL GTX è un’autentica rivoluzione nel settore delle scarpe da montagna. »

ALPINE SL GTX: Durante un tour in montagna conta ogni grammo. Lo stesso vale per le pres­tazioni! L’ideale sarebbe riuscire a combinarli in uno stivale da montagna. Per sviluppare ALPINE SL GTX LOWA si è fatta aiutare da un gruppo di profes­sionisti: stiamo parlando degli atleti del team LOWA. La tecnologia della suola Vibram® LITEBASE riduce al massimo il peso della calzatura, ma senza scendere a compromessi in fatto di pres­tazioni. A tutto questo si aggiungono altre funzioni utili come l’al­lac­ciatura a due zone e la fodera in GORE-TEX imper­meabile, che sono molto amate degli alpinisti di professione. Più …
ALPINE SL GTX

I fatti

La durata:
3 mesi
La distanza:
1000 km
Il clima:
Polare