24 ore di libertà

Austria A metà novembre 2020, Martin Feistl e Sven Brand hanno effettuato la prima salita della via “24 hours of freedom” (300m, M6, WI 4, X) sulla parete nord della Sagwand a Valsertal, in Austria. Si tratta di un ingresso diretto alla “Rampenführe” e condivide un breve tratto con la versione invernale della “Schiefe Riss”, salita per la prima volta nel 2013 da Hansjörg Auer, David Lama e Peter Ortner.

Martin Feistl e Sven Brand durante la loro salita della via sul lato nord della Sagwand.

Martin Feistl e Sven Brand durante la loro salita della via sul lato nord della Sagwand.

Pochi giorni dopo la prima ripetizione della via Sagzahn-Versch­neidung di David Lama e Peter Mühl­berger, Martin Feistl è tornato nella Valsertal insieme a Sven Brand, attirato dalla complessità della Rampenführe, salita nel 1925 da Josef Harold e Helmut Schar­fetter come prima via nella fredda parete nord della Sagwand.

Feistl e Brand inizialmente credevano di star seguendo i primi due tiri della versione invernale dello “Schiefer Riss”, salito per la prima volta nel marzo 2013 da Hansjörg Auer, David Lama e Peter Ortner con un bivacco. In seguito, però, hanno realizzato di aver condiviso solo un breve tratto sul primo nevaio prima di proseguire diret­tamente verso la “Rampenführe”. La nuova variante è alta 300 m e presenta difficoltà fino a M6, WI 4, X. Sulla Rampenführe Feistl e Brand sono saliti in alto, fino alla cima, per un totale di 950 m in 11 ore. Qualche giorno dopo, un’altra cordata ha riprovato la stessa linea, lasciando sul posto alcuni ganci e cunei sulla via del ritorno, facilitando le future ripetizioni del percorso. Nella sua relazione, Martin ci racconta come ha vissuto questa esperienza…

Un’al­lusione all’as­surdità della situazione

Immagine con ROCKET, Bild Update Martin Feistl 2019

« 24 hours of freedom: un’al­lusione all’as­surdità, almeno per noi alpinisti d’alta montagna, del regolamento d’in­gresso in Tirolo a causa del Coronavirus. Inoltre il nostro percorso ha richiesto molto più tempo del previsto. Abbiamo avuto a che fare con neve fresca, immensi rovesci, freddo estremo, dita leggermente gelate e ben 3 tiri sotto la vetta eseguiti con il calare della notte. Dopo la partenza alle 4 del mattino, siamo tornati alla macchina circa 24 ore dopo. »

Martin Feistl | LOWA ACTIVE Team

  • Poco alla volta i due atleti conquistano il muro.

    Poco alla volta i due atleti conquistano il muro.

La nuova linea è la più diretta e interessante tra quelle disponibili in questa stagione 20/21. È un grande onore essere i primi a scalare una linea così diretta su questa leggendaria parete. Allo stesso tempo, credo che la nostra traversata dimostri come l’in­fluenza dei social media sia rela­tivamente limitata per percorsi e pareti così complessi. Nonostante le nostre relazioni e le numerose altre pubblicazioni sulla leggendaria Sagzahn-Versch­neidung poco prima del fine settimana, questa linea non era stata provata. In generale, quasi nessuna cordata è riuscita a superare la diagonale di Schram­macher.

Ero sicuro che questo percorso così lineare sarebbe stato salito abbastanza presto dopo la nostra ripetizione della Sagzahn-versch­neidung. E questo è anche il motivo per cui l’abbiamo provata ora, nonostante le pessime condizioni meteorologiche. Sono sicuro che altre cordate potrebbero riuscirci molto più velocemente in condizioni migliori. Per noi, tuttavia, è stata un’av­ventura immensa, proprio come lo Schiefe Riss lo è stato per David Lama, Hansjörg Auer e Peter Ortner. Alla fine dei conti, un’es­perienza così intensa supera tutte le condizioni avverse, i pericoli e le difficoltà che abbiamo incontrato lungo il cammino.

  • Il lato nord della Sagwand. In rosso il percorso “24 hours of freedom” (Sven Brand, Martin Feistl 11/2020), in verde il percorso

    Il lato nord della Sagwand. In rosso il percorso “24 hours of freedom” (Sven Brand, Martin Feistl 11/2020), in verde il percorso « Rampenführe » (Josef Harold / Helmut Schar­fetter 1925)

La scarpa

« Alla fine dei conti, un’es­perienza così intensa supera tutte le condizioni avverse, i pericoli e le difficoltà che abbiamo incontrato lungo il cammino. »

ALPINE ICE GTX: Chi vuole salire in direzione del cielo deve poter fare affidamento sulla sua attrez­zatura tecnica. E quando si tratta di scarponi da montagna è indis­pen­sabile che soddisfino le esigenze più disparate, a seconda del terreno e dalle condizioni meteorologiche. ALPINE ICE GTX è uno scarpone sviluppato dal team LOWA PRO insieme a un gruppo di alpinisti attivi. La calzatura completamente ramponabile – dotata di una fodera in GORE-TEX Duratherm e di un elemento ammor­tizzante integrato nella tramezza – è adatta sia ai passaggi ghiacciati sia a quelli rocciosi. Più …
ALPINE ICE GTX