Tecnologie Insieme fino alla vetta

Quando sviluppiamo i nuovi modelli LOWA dedichiamo un’at­tenzione particolare a ogni dettaglio: è l’unico modo possibile di creare una calzatura outdoor perfetta. LOWA non scende mai a compromessi quando si tratta di scegliere i materiali, di decidere l’utilizzo di tecnologie innovative o di migliorare il design.

Non è quindi un caso che la nostra azienda specializzata in prodotti outdoor collabori con atleti di altissimo livello per sviluppare le sue calzature da alpinismo. Il LOWA PRO Team, formato da sportivi eccezionali famosi in tutto il mondo, incontra con regolarità il team di svilup­patori nella sede di Jetzendorf, in Baviera. Gli atleti testano i prototipi in condizioni estreme e forniscono a LOWA consigli preziosi per la proget­tazione dei nuovi modelli ad alte pres­tazioni. La categoria Moun­taineering fa da « apripista » allo sviluppo di tutti gli altri prodotti aziendali. Le infor­mazioni raccolte durante la proget­tazione di questi modelli sono utilissime anche per le calzature per l’escur­sionismo e il tempo libero e contribuiscono a migliorare il segmento più importante di LOWA.

I commenti e i riscontri dei clienti e dei collaudatori sono estremamente preziosi. Il team per lo sviluppo controlla e valuta persino i dettagli secondari eseguendo test mirati. Ma il feedback del cliente viene raccolto anche in altri modi, ad esempio attraverso il servizio assistenza LOWA, durante la scansione del piede e i commenti sui social media. Queste infor­mazioni – sia un piccolo dettaglio, sia un elemento completamente nuovo – vengono tenute in considerazione in ogni fase dello sviluppo.

  • Immagine con ROCKET, 2016_Athlete testing_CoburgerHütte
  • 2016_Athlete testing_CoburgerHütte

Forma Pianta stretta o larga? A deciderlo è la forma

L’elemento più importante di ogni scarpa è la forma. Ma di che cosa si tratta concretamente? Qual è il suo effetto e perché ha un ruolo decisivo? La forma crea la sagoma della scarpa occupando lo spazio del piede. Non si tratta di una copia precisa del piede con le dita o la caviglia, è piuttosto una forma generalizzata che deve soddisfare vari requisiti. Non esiste una definizione unica per la creazione di una forma, ogni produttore ha un approccio personale. Le forme LOWA sono il risultato di quasi 100 anni di tradizione calza­turiera e di sviluppo costante dei prodotti. E il nostro obiettivo è sempre lo stesso: la scarpa deve calzare alla perfezione. Infatti la tecnologia dei sensori è respon­sabile del benessere all’interno della scarpa e ne definisce anche il comfort.

LOWA ha un obiettivo chiaro: creare un rapporto equilibrato tra tenuta e libertà di movimento. I piedi sono parti del corpo sottoposte a notevoli sollecitazioni dinamiche. LOWA sviluppa le proprie forme in modo da bloccare la zona del metatarso nel miglior modo possibile nella calzatura e da offrire al tallone un buon supporto. Il piede non subisce costrizioni, evitando eventuali punti di pressione. Le dita dei piedi hanno abbastanza spazio in alto e in avanti, così il piede può camminare e spingere in tutta comodità. Si è comunque fatto attenzione a non creare una scarpa che restitusca una sensazione troppo voluminosa durante il movimento.

Forma S

Il volume nella parte anteriore della forma S è inferiore rispetto alle forme normali. Le scarpe prodotte su una forma a S possono essere percepite come più piacevoli da indossare dai tipi di piede più sottili.

last-small

Forma W

Il volume nella parte anteriore della forma W è superiore rispetto alle forme normali. Le scarpe prodotte con una forma a W possono essere percepite come più piacevoli da indossare da particolari tipi di piede (ad es. alluce valgo, piede piatto, archi caduti, ecc.).

last_wide-2

Features Innovazione ai massimi livelli

Le scarpe da montagna e outdoor sono l’animo del marchio LOWA: rappresentano un punto di riferimento per gli altri modelli e vengono progettate ad altissimo livello. Le tecnologie e i materiali innovativi, insieme alla struttura delle suole, garan­tiscono così pres­tazioni perfette.

Ogni dettaglio viene ottimizzato per garantire il massimo del comfort. Trattiamo con particolare riguardo la proget­tazione della struttura della suola, dell’al­lac­ciatura e del collo perché la nostra priorità è creare scarpe funzionali, con una calzata ottimizzata. La ciliegina sulla torta? La lavorazione perfetta che assicura un comfort insuperabile, e percepibile ad ogni passo.

Tecnologie per Moun­taineering

L’ambito moun­taineering include tutte le attività che vanno oltre le classiche escursioni in montagna, ovvero gli approcci che portano all’inizio degli … Più

Tecnologie per Climbing

Arram­picata alpinistica, arram­picata sportiva su roccia e in palestra, boul­dering e solitaria: questo sport può essere praticato in innumerevoli varianti. … Più

Tecnologie per Trekking

I tour di più giorni e settimane nelle Alpi, ma anche le escursioni in montagna e su lunga distanza in Paesi lontani significano itinerari più lunghi e bagagli … Più

Wanderszene bei Pregasina, Gardasee, Trentino, Italien.

Tecnologie per Natura

Le passeggiate sono un’at­tività che calma e rilassa, pertanto sono perfette per uscire di casa insieme alla famiglia o con il cane, ma anche da soli per … Più

Immagine con LYNNOX LO, 2017_BenjaminPfitscher_ATC-ATS

Tecnologie per Sport

Chi si muove in montagna a ritmi più sostenuti ha bisogno di scarpe versatili. In particolare il nordic walking e lo speed hiking richiedono un’at­trez­zatura … Più

Tecnologie per Leisures

Chi vuole sfruttare il fine settimana per lasciarsi alle spalle il tran tran quotidiano non deve fare molta strada per immergersi nella natura. Molti escur­sionisti amano i … Più

Immagine con SEATTLE GTX QC, Everyday Shooting Dresden 2018

Tecnologie per Tour in città

Ci sono tanti modi di prendere confidenza con una città: un giro per i negozi, una passeggiata, il tragitto casa-ufficio o un tour guidato per conoscere da vicino il … Più

Metodo Un’antica tradizione calza­turiera e una produzione innovativa: un’ac­coppiata vincente

Dalle spedizioni a una gita fuori porta: le scarpe LOWA vengono realizzate per offrire una calzata ottimale durante qualsiasi avventura all’aperto. In base al campo di impiego si applicano metodi produttivi diversi, ovvero i processi con cui la parte superiore della scarpa – la tomaia – viene applicata alla suola. È proprio qui che LOWA fa tesoro della sua traduzione calza­turiera e va ben oltre, puntando su tecniche innovative. Le scarpe LOWA di alta qualità sono prodotte con tre metodi diversi: montaggio/incol­laggio, iniezione o cucitura Strobel. Ogni procedimento si contrad­dis­tingue per una pregiata lavorazione a mano ad altissima precisione che rende unica ogni scarpa.

heartofamultifunktionalshoe-2
Metodo Strobel

Metodo Strobel

All’inizio del ventesimo secolo l’azienda Strobel inventò una macchina da cucire speciale che univa pelle o tessuti mediante una speciale cucitura a zig-zag, che i produttori di calzature chiamano Strobel. La tramezza, spesso realizzata in tessuto non tessuto, viene cucita diret­tamente insieme alla tomaia, così le due parti formano un’unità. La parte superiore della scarpa ottenuta in questo modo viene quindi tesa sopra la forma. A questo punto la suola può essere iniettata o incollata. Nell’ultimo caso si tratta per lo più delle cosiddette suole a coppa, che nella maggior parte dei casi vengono utilizzate nei modelli per il tempo libero.

Produktionsstätten Kroatien - RIALTO

Metodo dell’iniezione della suola

Una scarpa da escur­sionismo leggera e multifun­zionale? Fino alla metà degli anni Novanta era impen­sabile. Allora quasi tutti i modelli venivano prodotti con i metodi classici, mentre l’iniezione era solo appan­naggio delle scarpe per lo sport e il tempo libero, prodotte in serie. LOWA decise di osare avven­turandosi in un territorio sconosciuto e iniziò ad applicare questo metodo anche alle sue scarpe da escur­sionismo di alta qualità. Fu un successo strepitoso, che segnò la nascita della categoria delle scarpe multifunzione. Questo metodo speciale prevede una procedura di produzione a macchina. Innan­zitutto, la parte superiore della scarpa – ovvero la tomaia realizzata con il metodo Strobel – viene tesa sopra una forma di metallo, che poi viene abbassata in una forma per suola (uno stampo speciale realizzato per ogni calzatura). Ora la parte superiore della scarpa si trova per così dire in un recipiente in cui viene iniettato ad alta pressione un materiale plastico liquido bollente. In questo modo la suola viene formata e collegata alla tomaia, da cui non può più staccarsi. Il materiale plastico liquido è una schiuma poliuretanica speciale che può essere iniettata in vari strati per ottenere ottime carat­teristiche ammor­tizzanti. Il vantaggio di questo metodo? La suola è leggerissima, multifun­zionale e presenta un ammor­tiz­zamento ideale.
Dato che la tomaia è collegata diret­tamente al materiale plastico la calzatura non è risuolabile, ciononostante in tutti i modelli realizzati con questo metodo è possibile sostituire il tacco.
But the shoe cannot be resoled because the upper is attached directly to the plastic. But the heel of some shoes made this way can be replaced.