Immagine con ALPINE ICE GTX, Senja Ice Climbing 2018

LOWA PRO Team Ines Papert

Sul ghiaccio con LOWA

Quando nel 1993, completati gli studi da fisioterapista, lasciò la Sassonia per trasferirsi a Berchtesgaden in Baviera, Ines Papert capì subito che la regione aveva molto più da offrire che qualche ora di diver­timento sugli sci. E ci mise poco per scoprire la sua passione per la montagna e soprattutto per l’ar­ram­picata su ghiaccio. Iniziò la sua carriera profes­sionale vincendo la coppa del mondo di arram­picata su ghiaccio nel 2001 e negli anni successivi è diventata campionessa del mondo per ben quattro volte.

Si sentiva sempre più a suo agio non solo sul ghiaccio ma anche sulla roccia. Così nel 2003 ha scalato la « Symphonie de Liberté » sulla parete nord dell’Eiger. Nel 2006 ha concluso la sua carriera agonistica e da allora si dedica soprattutto a tour e spedizioni. Gli allenamenti variano molto a seconda del progetto. Ad esempio per le escursioni in alta quota le piace allenarsi portando verso l’alto il suo para­pendio per abituarsi all’al­titudine, mentre la preparazione per le vie più difficili sulla roccia avviene su rocce poco strut­turate.

Il momento più felice della sua vita è stato la nascita del figlio Emanuel nel 2000. Nel suo libro « Im Eis » (Nel ghiaccio) Ines Papert parla anche di come ha trovato l’equilibrio tra il suo ruolo di mamma e quello di alpinista profes­sionista e di come si è fatta strada sulle vie più ripide del mondo.

Fatti e dati

Data di nascita:
05.04.1974
Luogo di nascita:
Wittenberg
Paese d’origine:
Berchtesgaden
Professione:
Fisioterapista diplomata
Punto d’ar­ram­picata preferito:
Bugaboos
Montagna locale:
Predig­tstuhl
Altezza:
1,70 m
Peso:
58 kg

Ines Papert,
In che modo lo sport ti ha cambiato la vita?

« Posso dire che le montagne mi hanno cambiato la vita al 100%. In passato io e lo sport non andavamo molto d’accordo. Certo, ero geneticamente portata, ma troppo pigra. »

Come si fa a trovare la giusta motivazione ad allenarsi?

« Trovo che avere i compagni di allenamento giusti sia molto d’aiuto. Consiglio inoltre di porsi un obbiettivo, così da tenere sempre a mente il motivo del proprio impegno. »

Cosa porti con te nelle tue spedizioni?

« Ho sempre con me una federa in cui inserire il mio piumino, in modo da avere un cuscino morbido per la tenda del campo base. »

Le mie scarpe per…

ALPINE SL GTX

Arram­picata su ghiaccio e mista: ALPINE SL GTX

« Leggerezza spesso fa rima con velocità… Di solito arrampico con un piccolo zaino e il minimo dell’at­trez­zatura. In questo senso con ALPINE SL GTX non devo scendere a compromessi. E poi di questo modello mi piacciono il buon isolamento termico e la sua comodità, così le mie dita non si raffreddano mai. »

Durante un tour in montagna conta ogni grammo. Lo stesso vale per le pres­tazioni! L’ideale sarebbe riuscire a combinarli in uno stivale da montagna. Per sviluppare ALPINE SL GTX LOWA si è fatta aiutare da un gruppo di profes­sionisti: stiamo parlando degli atleti del team LOWA. La tecnologia della suola Vibram® LITEBASE riduce al massimo il peso della calzatura, ma senza scendere a compromessi in fatto di pres­tazioni. A tutto questo si aggiungono altre funzioni utili come l’al­lac­ciatura a due zone e la fodera in GORE-TEX imper­meabile, che sono molto amate degli alpinisti di professione. Più …
RENEGADE GTX MID Ws

Camminate: RENEGADE GTX MID Ws

« La scarpa RENEGADE sembra quasi una pantofola: è così comoda che non la toglierei mai. »

RENEGADE GTX MID Ws: una calzatura dai mille talenti, pensata per le donne, ormai entrata nel mito. Anche dopo due decenni di fedele servizio, il modello classico tra le calzature multifunzione offre sempre un look intramon­tabile e un comfort senza rivali. La costruzione pregiata della suola e della tomaia garantisce una calzata confor­tevole, rendendo possibili tantissime opzioni di impiego. RENEGADE GTX MID Ws è il compagno ideale sia per una giornata sempre di corsa sia per un tour su sentieri battuti. Più …

Le spedizioni e i tour